Menu Chiudi

Nasce la Rete per la mobilità sostenibile nella didattica

E-mobility

L’I.I.S. “Boccioni-Fermi” di Reggio Calabria ha aderito alla Rete E-Mobility (Rete di scuole per la mobilità sostenibile nella didattica), costituita da 32 scuole collocate sul territorio nazionale, che si fonda sui principi ispiratori della sostenibilità ambientale e della transizione verso la mobilità . Saranno attivati nel corrente anno scolastico dei corsi tenuti da esperti sulla mobilità elettrica e rivolti agli allievi più meritevoli delle quarte e quinte classi ad indirizzo M.A.T. (Manutenzione e Assistenza Tecnica) dell’Istituto “Boccioni-Fermi”. Un primo corso, di azzeramento, introdurrà le tematiche generali della mobilità elettrica, concorrerà al monte ore del PCTO e sarà tenuto dai Referenti del Progetto, Prof. Sarica Maurizio e Prof. Abenavoli Stefano.  Il secondo corso, a distanza, seguirà un percorso didattico per la formazione iniziale del “Tecnico per la progettazione, gestione e manutenzione dei veicoli elettrici e dell’infrastruttura di ricarica” è rivolto soltanto agli allievi, selezionati da graduatoria, delle quinte classi ad indirizzo M.A.T.; si svolgerà nei mesi di marzo, aprile e maggio del prossimo anno e avrà la durata complessiva di 32 ore. Questo secondo corso prevede l’esame finale e, in caso di superamento, il rilascio di un attestato; anch’esso, concorrerà al monte ore del PCTO. Per entrambi i corsi è necessaria la frequenza di almeno l’80 % del monte ore. Il percorso formativo di entrambi i corsi sarà supportato da un Laboratorio Virtuale. E-Mobility riguarda il mondo delle auto elettriche, delle infrastrutture di ricarica e della mobilità elettrica sostenibile. L’auto elettrica è ecologica, conveniente, silenziosa e appagante da guidare, abbinando il massimo rispetto dell’ambiente ai vantaggi pratici ed economici. Nell’intento di diffondere e supportare la cultura del lifelong learning, l’Istituto pone come obiettivo il raggiungimento della piena cittadinanza dei propri studenti e la prospettiva della loro sicura occupabilità, impegnandosi a: -consolidare in ciascun allievo una preparazione culturale e professionale solida ed innovativa, capace di sostenere successivi e autonomi proseguimenti; -sviluppare personalità critica e responsabile, capace di cooperare, flessibile e disponibile al cambiamento. MOTUS-E ha contribuito alla realizzazione di tale percorso. Il progetto della rete fra scuole nasce essenzialmente per quattro motivi: 1) per la formazione di alto livello per docenti e per studenti 2) per l’orientamento degli studenti in ingresso ed in uscita 3) per favorire rapporti costruttivi e sinergici fra istituzioni scolastiche con progetti comuni 4) per potenziare in maniera costruttiva e partecipata i rapporti fra Scuole e Aziende dei vari territori.   Il Referente del Progetto Prof. Ing. Maurizio Sarica

CONFERENZA NAZIONALE SCUOLE DELLA RETE E-MOBILITY

Sabato 4 giugno 2022, presso l’Istituto Vallauri di Torino, si è svolta la prima conferenza nazionale delle scuole della rete e-mobility, di cui il   Vallauri  è promotore e capofila. All’evento erano presenti le 43 scuole della rete, alcune in presenza e altre da remoto. La sessione plenaria pubblica, moderata dal dirigente scolastico del Vallauri, il prof. Paolo Cortese, ha visto i saluti istituzionali di Francesco Naso (segretario generale di MOTUS-E), Franco MIttica (ANPAL Servizi Piemonte), Romano Ambrogi (RSE), Marcin Schmidt (PIRE – Polonia), Domenico Massimino (vicepresidente nazionale di Confartigianato), Matteo Mancin (titolare di MA&CO), seguiti dalle relazioni dei proff. Claudio Cavallotto (portavoce) e Massimo Chillemi (coordinatore del corso nazionale per gli studenti).

La giornata è proseguita con l’Assemblea dei Dirigenti Scolastici e del Gruppo Tecnico di Coordinamento in seduta plenaria per organizzare il futuro della Rete.

Una valida occasione di confronto, un momento strategico di un progetto cui il nostro istituto e i suoi partner danno grande importanza, anche per la centralità sempre maggiore della mobilità elettrica già oggi e ancor più nell’imminente futuro